il PRESEPE di EDUARDO ... a GREEN PARK

5 novembre 2015

 

 

“Te piace ‘o Presepe?”

 diceva il grande Eduardo de Filippo.

E sì… a noi napoletani il presepe piace!

C’è a chi piace vederlo crescere, quasi fosse “na criatura”, aggiungendo di anno in anno pezzi nuovi,

e chi preferisce ripartire da zero armato di sughero,

muschio e cartapesta.

Conservatori o innovatori che siano,

tutti gli anni i napoletani si incamminano per San Gregorio Armeno,

via che riunisce quasi tutti gli artigiani dell’arte presepiale,

tra  bancarelle piene di pastori, magi, angeli e pecorelle.

 

                                            Ma per chi non a Napoli ha la dimora per stare almeno una notte ,cosi può avere  la possibilità di fare " Natale a casa Cupiello".

                                                                               

                                              E nato il progetto "Green Park ... a Napoli"

 

                                                                                               Bastano 10 persone (raccomandate da tè )

                                                                  per far si che la tua dimora sarrà riservata per una notte che puoi scegliere nel periodo del anno 2016

 

"Te piace o' presepe?": è questa la frase (e domanda) più importante,

che riassume la più famosa commedia tragicomica scritta da Eduardo De Filippo nel 1931,

"Natale in casa Cupiello". 

Luca Cupiello, il protagonista, attende con ansia l'arrivo delle feste di Natale per poter preparare il presepe.

Vorrebbe che tutti amassero il suo presepe come lui e fa di tutto per prepararlo in maniera perfetta.

 Ma la sua famiglia critica il presepe

 (al figlio non piace e continua a rispondere al padre che non gli piace... solo alla fine, quando il padre sarà in punto di morte, lo accontenterà)

e pian piano la presunta perfezione familiare si rompe.

Luca è vissuto nell'illusione di aver cresciuto

una famiglia felice

 e si dovrà scontrare con la dura realtà,

che però non è in grado di sopportare.